Chiesa di Santa Cristina La Vetere

Gioiello medievale posto sull'antico percorso della Via Francigena.

Descrizione

Storia

La chiesa normanna dedicata a S. Cristina la vetere è una delle chiese più antiche di Palermo.
Fu fondata nel 1171 per volere dell’Arcivescovo Gualtiero Offamilio (al quale si deve la costruzione, qualche anno più tardi, della Cattedrale) per conservare le spoglie, che in questo luogo una nave trasportò, di quella che era la protettrice di Palermo già prima dell’avvento di Santa Rosalia.
La chiesa venne gestita dai Cistercensi per qualche anno. Con l'imperatore Enrico VI di Hohenstaufen, la chiesa entrò a far parte dei beni della Cattedrale.
Nel Cinquecento la chiesa venne concessa alla compagnia della SS. Trinità, detta dei “Rossi” per via del colore della tela che indossavano, i quali, presso l’attiguo Oratorio (oggi non più esistente) offrivano ristoro e cure ai cavalieri e pellegrini che da qui passavano. Il vicolo dei Pellegrini su cui la chiesa si trova era, infatti, parte dell’antico tratto della “via francigena” che conduceva in Terra Santa.
I sacri resti di S. Cristina, completata l’opera di costruzione, furono spostati nella nuova Cattedrale dove sono ancora oggi conservati nella Cappella delle Sacre Reliquie.

Esterno

L’esterno si presenta con una forma cubica fatta di conci di tufo. Il portale, posto sul lato meridionale, fu ristrutturato nel 1500. Sul prospetto occidentale un grande arco a sesto acuto.

Interno

L’interno della chiesa è caratterizzato dalle forme genuine dell’architettura normanna. Una sala quadrata a croce greca con quattro pilastri centrali che reggono la volta centrale e le piccole volte angolari a crociera.

Sulla parete a sinistra si trova un tabernacolo e, sempre su questo lato, in fondo alla piccola navata, una nicchia con gli affreschi di S. Pietro e S. Paolo, posti sotto quello dello Spirito Santo.

A destra, un portone di legno intagliato separava la chiesa dai locali destinati alla cura dei pellegrini.

L’abside, aggiunto nel ’600, presenta una volta a botte con stucchi seicenteschi, mentre sul pavimento, le numerose lapidi tombali testimoniano l’uso antico di seppellire nelle chiese i nobili defunti.

Dettagli

Via dei Pellegrini 2
90134 - Palermo
Tel: 091 348728

Orario

Dom dalle 10:00 alle 13:00 o su prenotazione.

Ingresso

Intero euro 2,00